Leggi tutte le notizie su Agevolazioni e Misure relative al Covid19 dello Studio D’Aurelio – Commercialisti.

 

L’art. 68-quater del D.L. 73/20211 riconosce, per l’anno 2021, un contributo a fondo perduto in favore dei birrifici in misura pari a 0,23 € per ciascun litro di birra artigianale del quantitativo complessivamente preso in carico, risultante rispettivamente:

  • nel registro della birra condizionata, ovvero
  • nel registro annuale di magazzino,

nell’anno 2020 in base alla dichiarazione riepilogativa prevista dalla legge con riguardo ai soggetti di cui all’art. 2, co. 4-bis della Legge 1354/1962.

 

È finalmente confermata la legittimità della possibilità di cumulo tra “diverse quote parti” del costo di uno stesso bene e “tra costi diversi” all’interno di un medesimo progetto; il divieto di doppio finanziamento è, tuttavia, previsto per i contributi aggiuntivi rispetto a cui la sommatoria degli aiuti ecceda il valore dell’investimento agevolato.

La misura straordinaria Custodiamo le imprese è stata varata a seguito delle conseguenze economiche e sociali dovute all’emergenza sanitaria causata dal Covid-19 e intende offrire, alle PMI del territorio, una sovvenzione finalizzata ad agevolarle e accompagnarle verso la ripartenza.

Anche per quest’anno sono state stanziate delle risorse per aiutare le imprese negli interventi per la protezione e la prevenzione contro il Covid19; l’art. 32 del Dl 73/2021 (decreto Sostegni-bis) ha, infatti, previsto la possibilità di usufruire del credito d’imposta nella misura del 30% delle spese agevolabili nel periodo estivo rispettivamente nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2021.

L’indicazione in più quadri del modello Redditi delle tante forme di sostegno corrisposte nel 2020 non dipende dall’Agenzia delle Entrate, bensì dalle norme in vigore; la mancata indicazione delle contribuzioni percepite, infatti, non ha conseguenze sanzionatorie in ambito fiscale ma potrebbe determinare l’illegittimità della fruizione del contributo.

Al via da mercoledì 16 giugno l’erogazione dei bonifici automatici previsti dal decreto Sostegni-bis (art. 1 del Dl 73/2021) per le imprese e i professionisti che hanno precedentemente chiesto e ottenuto i contributi stabiliti dal decreto Sostegni-1 (Dl 41/2021).

Nel decreto Sostegni-bis è contenuta una variante del credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione (DPI); la finalità, identica a quella del precedente credito d’imposta per la sanificazione disciplinato dall’art. 125 del decreto legge 34/2020, è quella di favorire l’adozione di misure dirette a contenere e contrastare la diffusione del Covid-19.

Una parte dell’attività di controllo effettuata dall’Agenzia delle Entrate si concentrerà, nei prossimi mesi, sul recupero dei contributi a fondo perduto ritenuti indebitamente percepiti ed erogati a seguito della pandemia.

Al fine di accelerare i tempi di realizzazione degli obiettivi previsti dal Piano nazionale di vaccinazione anti SARS-CoV-2/ Covid-19, il Governo e le parti sociali (associazioni datoriali e sindacali), in data 6 aprile 2021, hanno approvato un “protocollo” per la realizzazione di punti di vaccinazione aggiuntivi a livello territoriale, tra i quali rientrano anche luoghi di lavoro, così da rendere più sicura la prosecuzione delle attività commerciali e produttive sull’intero territorio nazionale, accrescendo il livello di sicurezza degli ambienti lavorativi.